Giocare a trente et quarante? Semplicissimo!

novembre 02, 2012 :: Posted by – admin :: Category – Curiosità

Trente et quarante, il gioco ideale per passare una serata diversa dal solito. Trente et quarante è il gioco adatto per provare il gusto del brivido e della scommessa, e non è nemmeno necessario andare in un casinò vero per giocarci! E’ a disposizione di tutti i software di casinò online, oppure tramite app. Oppure potete fare da voi, a casa vostra!

Ma come si gioca a trente et quarante? Adesso ve lo spieghiamo noi!
Dovete procurarvi sei mazzi di carte da 52, sparpagliarle sul tavolo per poter cominciare. Vi occorreranno quattro combinazioni a specchio per poter giocare : rosso e nero, colore e inverso. Il compito del croupier, o del mazziere se giocate a casa vostra, è quello di disporre le carte in due file: la prima fila farà vincere il nero, la seconda fila invece farà vincere il rosso.
L’origine del nome può trarre in inganno, ma in realtà ha una sua logica. Sommando le carte delle due file si otterrà come risultato un numero fra il trenta e il quaranta, così da poter chiudere la partita.

Se giochiamo invece nella modalità per colore o inverso avremo delle regole diverse. Si punterà su colore o su inverso per poter vincere.  Se il giocatore, scoprendo la prima carta, trova il colore vincente che aveva puntato, avrà fatto “colore” e vinto il turno. Se invece avete puntato su inverso, vince se uscirà il colore opposto al vostro.
Le puntate dei giocatori vengono messe in prigione se la somma di entrambe le file è uguale a 31.

Insomma giocare a trente et quarante è semplice!

Tenta l’azzardo col trente et quarante

agosto 07, 2012 :: Posted by – admin :: Category – Regole di gioco

Trente et quarante non è una formula magica ma un gioco di carte molto frequentato nei casino. Nel trente et quarante il mazziere è il banco e distribuisce le carte ai giocatori che puntano scegliendo tra varie combinazioni (nero, rosso, colore, inverso).
All’annuncio “rien ne va plus”, il croupier dà le carte mentre a “trente et quarante” gira una prima carta che poggia sul tavolo scoperta, poi una seconda sempre scoperta e via dicendo fino ad arrivare a un valore superiore a trenta. Come avviene la somma? Le carte fino al nove conservano il proprio valore nominale mentre le carte figurate e i dieci valgono dieci.
Una volta disposte le due file (la prima fila è chiamata “nero” mentre la seconda “rossa”) di carte dal mazziere, si paga il vincitore. E come viene decretato? Praticamente si osserva quale delle due file si avvicina al 31, cioè vince la fila col punteggio più basso. Per capire chi vince tra colore e inverso si controlla il colore della prima carta del nero e se risulta essere lo stesso della fila vincente allora paga “colore”, diversamente a vincere è “inverso”.
E se le due file abbiano totalizzato entrambe 31 punti? In tal caso, le giocate vengono imprigionate e vengono sbloccate non appena il giocatore vincerà la mano successiva. Se, invece, le due file danno 31 per tre volte successive, il giocatore perde la puntata.